Operai dell’editoria unitevi: i numeri del 2013

Ho aspettato qualche giorno per leggere il report annuale dei risultati del blog, convinta di essere peggiorata.
Be’, pensavo peggio, in un anno così nefasto, in cui scrivere qui mi è quasi costato di più che non scriverci, i numeri restano, come l’anno scorso, quelli del blog di nicchia. Con duemila visite in più. Un’inezia.

Ma va bene lo stesso, in fondo è giusto così: non sono una vera blogger, con questo diario aperto, su cui scrivo per non impazzire e per alzare la testa, non guadagno.
Non è lavoro, è uno sfogo, un modo per far conoscere la bestia nera della mia vita e di quella di molti altri: il precariato editoriale.

L’anno prossimo si prospetta per me più difficile che mai. Già lo so.
Vedremo se avrò ancora modo di tenere aperto questo blog e per quanto.
Buon 2014 a tutti, belli e brutti.

The WordPress.com stats helper monkeys prepared a 2013 annual report for this blog.

Here’s an excerpt:

The concert hall at the Sydney Opera House holds 2,700 people. This blog was viewed about 12,000 times in 2013. If it were a concert at Sydney Opera House, it would take about 4 sold-out performances for that many people to see it.

Click here to see the complete report.

Annunci

Informazioni su denisocka

La vita dura (ma non troppo) del collaboratore esterno (ma non troppo)
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...