Amori incompresi e perline

Sì, è chiaro: l’editoria non mi vuole.
Come per gli amori più strazianti, io la amo e allo stesso tempo la odio, perché la amo troppo e non la voglio così. La voglio vera. La voglio onesta. La voglio bella, sana, lungimirante come potrebbe essere se fosse virtuosa.
Così lei non mi ricambia.

L’editoria sembra amare invece soprattutto chi le ammicca, chi sa usarla per i propri scopi senza torcerle un capello, chi l’accarezza con fare suadente per ottenere ciò che vuole.
Chi la dipinge bella, affascinante, e alimenta l’immaginario meraviglioso tramite cui il ricatto si rigenera di contratto in contratto, di stagista in stagista, di collaboratore in collaboratore.
Chi non le rompe i maroni e poppa sereno dalle sue mammelle.
Non chi cerca in tutti i modi di esporre le sue mostruosità, chi vuole correggerla, renderla sul serio diversa, come l’ha sempre sognata.

Ma forse non è vero neanche questo. Le strade fortunate e oneste per arrivare là dove si vorrebbe, cioè a un po’ di serenità, e di vera dignità, si restringono sempre di più a mano a mano che si svilisce tutto con politiche miopi, che si considerano gli addetti ai lavori del libro un fastidio e che si copre in modo omertoso la verità.

La condizione in cui mi trovo mi fa male, mi ferisce, mi angoscia. Questo lo sapete già.
Ma la cosa che mi sconvolge di più è leggere altri precari editoriali come me che invece di raccontare la verità, descrivono questo mondo come un regno fatato, spiritoso, cui ambire, da desiderare, da volere a tutti i costi.

E questa cosa mi tormenta al punto da farmi domandare seriamente se abbia ancora senso scrivere questo blog, tentare di squarciare il velo dorato dell’editoria, se poi c’è chi è subito pronto a ricucirlo e a riempirlo di perline.

Compiacere l’editoria e i suoi meccanismi perversi non ci porterà fuori da questo limbo.
è un’illusione.
Non è questa la via per salvarsi.
Colleghi, non cadete nell’inganno.

Annunci

Informazioni su denisocka

La vita dura (ma non troppo) del collaboratore esterno (ma non troppo)
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Amori incompresi e perline

  1. Dreaming Alice ha detto:

    Sì, ha ancora senso: non mollare!

  2. Elisa Comito ha detto:

    Solidarietà Denise, hai dipinto proprio un bell’affresco!
    Elisa

  3. Elisa ha detto:

    Ciao Denise,

    ti seguo da un paio d’anni, anche se non ho mai commentato e non vorrei per nessuna ragione che tu smettessi di scrivere. Non lavoro nell’editoria, era il mio sogno, ma dopo uno stage non retribuito e, soprattutto, NON formativo, e dopo decine di CV inoltrati senza seguito, mi sono fermata. Quando ho iniziato a leggerti ho capito perché ho sbagliato a fare quel tirocinio e in che modo avrei dovuto operare una selezione o farmi valere, al limite, quand’era evidente lo sfruttamento e la presa in giro. L’ho imparato leggendo i tuoi post e sono sicura che sono di aiuto e di illuminazione per moltissimi altri. La consapevolezza non ha prezzo ed è la sola a smuovere, anche se lentamente, la realtà.

    Elisa

    • denisocka ha detto:

      Elisa, grazie per questo tuo commento che arriva proprio in un periodo di evidente affaticamento da sovraccarico di preoccupazioni. Io ce la metterò tutta per tenere aperto il blog e per continuare a scrivere con sincerità quello che penso, anche se ogni tanto temo di essermi trasformata in una novella Don Chisciotte e ogni tanto in una pazza Kamikaze. Insomma, farò quel che posso.

  4. Andrea Rényi ha detto:

    Questo blog è di importanza fondamentale, vitale; puoi sospenderlo per le ferie, puoi prenderti periodi di inattività perché a volte la vita li richiede, ma ti prego di insistere. Non per me, stanca e invecchiata, ma per centinaia di giovani che hanno bisogno di essere informati. Grazie, Denise!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...