Tu sgancia subito, che poi io, Inps, trovo il modo di non pagarti…

Rieccoci, siamo all’ennesima puntata della mia avventura di neomamma nello sgradito mondo della Gestione separata Inps.
Dopo aver ricevuto un paio di mesi fa due lettere dall’Inps in cui mi si annunciava che non avevo diritto alla maternità e al congedo parentale, ho trascorso lunghe settimana a sollecitare non so più nemmeno chi perché si decidessero ad aggiornare i miei dati, con la speranza che questa situazione al limite dell’assurdo si risolvesse.
Un giorno, finalmente, apro il mio fascicolo previdenziale e scopro che i miei contributi per il 2011 sono stati magicamente registrati. Poi controllo il 2010 e dopo due anni la situazione è ancora tale e quale. Invariata.

A parte che, come prima cosa, mi viene da domandarmi se l’Inps non si vergogna per una tale inefficienza, ma poi ritiro su le maniche per l’ennesima volta e mi dirigo al patronato Inca per fare ricorso. I mesi registrati del 2011 mi danno almeno il diritto all’indennità, anche se per ora la cifra che riceverò non sarà ancora quella che l’Inps mi dovrebbe per i contributi versati.

La prima visita all’Inca cade nel vuoto perché quando arriva il mio turno, purtroppo, scopro che il sito dell’Inps è bloccato. Solita fortunella.
Gentilissimi, i responsabili del patronato Cgil raccolgono tutto il mio materiale e promettono di ricontattarmi per farmi tornare, questa volta su appuntamento. Anche se non ho la tessera…

Ci sono tornata, il ricorso l’ho fatto, ma mentre sono lì, il capo dell’Inca che mi ha ricevuto tenta di spiegarmi una cosa che complica ulteriormente la situazione di noi precari. Me lo sono fatto spiegare tre volte prima di arrivarci, quindi spero di riuscire a spiegarlo io a mia volta in modo abbastanza chiaro. Anche se dubito

Dunque, la premessa è questa. Per avere maternità, congedo parentale, indennità ospedaliera (anche day-hospital), malattia e infortunio (tutto in quota minore rispetto ai lavoratori a TI), un cocopro deve avere nei 12 mesi precedenti al periodo da indennizzare almeno 3 mensilità. Ma non illudetevi, non le mensilità che ricevete voi, quelle che decide l’Inps in base ai propri minimi e massimali contributivi.

Facciamo un esempio pratico: voi magari avete un’entrata molto bassa, vi detraggono i contributi ma quelli non bastano a formare la LORO mensilità, quindi quel mese si somma ai successivi finché non formate le mensilità che decidono loro. Voi, magari, ricevete lo stipendio tutti i mesi, ma alla fine sul fascicolo vi ritrovate, che ne so, 10 mensilità invece che 12. Mettiamo che per la vostra indennità vi servano proprio gli ultimi mesi dell’anno, le vostre mensilità sono 10, quindi i mesi di contributi arrivano a ottobre, non importa che nello specifico in realtà voi abbiate versato anche, e proprio, novembre e dicembre…

Io per esempio, nel 2011, prima di partorire ho versato per accumulare 5 mensilità e ora che sono registrate mi danno almeno il diritto di ricevere qualcosa perché ne ho finalmente presenti più di 3. La mia maternità è iniziata a giugno, quindi si andrebbe indietro fino a giugno 2010. Le 5 mensilità del 2011 me le cucco tutte.
Il 2010 non è ancora a posto e nonostante io sia sicura di aver versato negli ultimi mesi dell’anno, se risulteranno meno di 12 mensilità contributive, alcune non mi verranno contate.

Capito il meccanismo assurdo? Lo so, è incasinato ma spero di essere stata abbastanza chiara da farvi raccapezzare un po’, e che questo post possa essere utile soprattutto a coloro che hanno vuoti contributivi come la sottoscritta.

Ora aspetto che si decidano a pagarmi almeno la prima parte di maternità e poi ripartirò all’attacco per avere il resto.
Quel meccanismo malefico, comunque, resta sempre una schifezza.
Ci vogliono cornuti e mazziati!
è ora di finirla

Annunci

Informazioni su denisocka

La vita dura (ma non troppo) del collaboratore esterno (ma non troppo)
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Tu sgancia subito, che poi io, Inps, trovo il modo di non pagarti…

  1. italiavistadalleuropa ha detto:

    Reblogged this on L'Italia vista dall'Europa and commented:
    Questo post è così importante perchè riguarda tutti quelli iscritti alla gestione separata. Spiega piuttosto bene i non diritti che abbiamo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...