Martedì nero

Tutti i telegiornali parlavano di lunedì scorso come del giorno più triste dell’anno.
Risultava da calcoli matematici di non so quale genere.
Il mio lunedì è stato invece un giorno pieno di speranze.

Il vero giorno “nero” per me è stato ieri, martedì, anche se poi la cosa che meno di tutte mi sarebbe andata di fare dopo una giornata così si è rivelata un toccasana per l’anima: ho cantato in un locale, con jam session a seguire.
Oggi, mercoledì, la giornata da nera sta diventando pian piano solo grigia.
Si riparte da zero. Ancora una volta.

p.s.: I miei vicini di casa continuano a litigare come pazzi. Hanno una bambina piccola che non si merita di assistere a certe scene e di sentire certe parole.
Dio, a volte, sembra proprio avere uno strano senso dell’umorismo.

Annunci

Informazioni su denisocka

La vita dura (ma non troppo) del collaboratore esterno (ma non troppo)
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Martedì nero

  1. LaStancaSylvie ha detto:

    Voglio troppo sentirti cantare!! Sì che sono di Milano! Ehm … bisognerebbe che Dio istitutisse una patente per diventare genitori prima di concedere questa fortuna a gentaccia che non si sa contenere.
    LaStancaSylvie

  2. denisocka ha detto:

    @Sylvie: io più che altro sono preoccupata per la bambina. Fa orrore a me che sono adulta già solo sentire in lontananza quelle cose, figuriamoci a una bambina. Non che non le vogliano bene, ma non si rendono conto che sentirli litigare così per la bambina può essere molto doloroso (ora ha già sui quattro anni). Restare insieme per forza non è mai la scelta più giusta.
    Riguardo a sentirmi cantare: prossima serata 16 febbraio a Cernusco Lombardone. Sei in zona?

  3. ElisinoB ha detto:

    Quanto piacerebbe anche a me sentirti cantare… ma non sono mai in zona Milano. E se tu mettessi nel tuo blog una tua canzone? Dai, solo la voce, niente immagini per rimanere anonima!
    Comunque: poveri i bambini costretti ad asistere alle litigate dei genitori. Uscirne sani è quasi impossibile. Un caro saluto e a presto, ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...