Il biglietto fra le mani

Ieri arrivo in redazione, dove mi aspettano delle bozze di narrativa straniera da valutare per gli inserimenti.
Scopro con orrore che la prima correttrice ha avuto un eccesso di scrupolo (o smania da correzione) e trasformato il testo in un campo di battaglia. Dopo essermi spaventata (eh che cavolo, c’era bisogno di un secondo editing? Ho fatto davvero un tale pasticcio?), mi accorgo che almeno il 70 percento degli interventi può non servire e mi tranquillizzo. Unico problema, in questi casi, è che bisogna valutare con calma tutto e decidere cosa c’è di buono da tenere.
La giornata non è partita affatto bene: un lavoro al massimo di due giornate si trasformerà in un tour de force per consegnare le nuove bozze al secondo correttore.

Dalla redazione di narrativa straniera passo alla zona collaboratori, in cerca di un computer libero dove lavorare e incontro un collega:
“Ehi, ciao, hai visto che è uscito?”
“Uscito cosa?”
“Il tuo biglietto, sono arrivate le staffette stamattina presto.”
Per chi non lo sapesse, le staffette sono le primissime copie di un libro appena stampato che arrivano in anteprima a chi di dovere.

Scatta la caccia a una copia: lo devo vedere, toccare con mano, rendermi conto che sta davvero succedendo.
Con molta fatica riesco a recuperarne una per vie traverse… eccolo lì… subito in borsa… be’, dopo averlo mostrato in pratica a tutti i colleghi.

E la sera lo porgo a mio marito come un cimelio prezioso… per poi riprendermelo subito perché non resisto: devo sfogliarlo bene, rileggerlo subito, a mente fredda, capire com’è venuto.
Guardo titolo e autore sulla copertina e ripenso agli anni d’università, alla promessa scambiataci fra compagni di corso: “Se qualcuno riesce a lavorare nell’editoria dopo la laurea, deve far di tutto perché lo ripubblichino”.
Promessa mantenuta.

Annunci

Informazioni su denisocka

La vita dura (ma non troppo) del collaboratore esterno (ma non troppo)
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Il biglietto fra le mani

  1. tafia ha detto:

    Son soddisfazioni! 🙂 Quasi quasi vien voglia di leggerlo anche a me, quel “biglietto”…
    L’inizio del post mi ha incuriosito (correzione di correzione di bozze… su Rieducational Channel!^^): quand’è che ci racconti le varie fasi editoriali dalla traduzione alla pubblicazione? Il fumetto è un mondo un po’ a parte e mi piacerebbe essere più informata su come funziona per i libri…

  2. denisocka ha detto:

    Grazie tafia! Finalmente un commento! Non mi scrive più nessuno ultimamente 😦
    Ma mi leggete, almeno?
    Sulla questione fasi da traduzione a pubblicazione, magari una volta spiego davvero per filo e per segno chi fa cosa e quanta gente sta dietro un solo libro… appena avrò un parco lettori che commenta di più, magari… 😉

  3. utente anonimo ha detto:

    Io non commento mai ma ci sono sempre!
    grace

  4. rusalka ha detto:

    Io commento poco ma ti leggo sempre, con un pizzico di invidia 🙂

  5. denisocka ha detto:

    Mannaggia, a me invece piacerebbe sapere chi siete, che fate, perché tornate a leggere, se avete altre curiosità su questo mondo… Non mi è mai piaciuto il monologo a senso unico. @Rusalka: spero mi invidi solo perché lavoro con i libri, non perché precaria, vero? 😉 @Grace: e tu come sei capitata su queste pagine?

  6. utente anonimo ha detto:

    Anch’io fedele lettrice di blog di traduttori! 🙂
    Ilaria

  7. utente anonimo ha detto:

    Un saluto dal paese delle meraviglie! (Certo, quello che ci sta intorno non è proprio pieno di meraviglie ma la mia testa naviga nelle meraviglie!)
    Alice

  8. denisocka ha detto:

    @Ilaria: Ciao, ma allora hai un bel po’ da leggere tutto il giorno, i blog dei traduttori sono tanti; @Alice: sei la stessa che mi ha aiutato con quella citazione da “Alice nel Paese delle Meraviglie”, appunto?

  9. utente anonimo ha detto:

    Esatto! Sono proprio io! Ho cominciato a leggerti trovando il tuo blog su Anobii! Sapessi quante cose ho scoperto per caso! Ho letto qualche tuo post e ti trovo interessante come persona quindi ti continuo a leggere anche se, ultimamente, ho avuto poco tempo! Ho anche io un blog ma per adesso è poverello! Comunque io ci sono e ti leggo!

  10. utente anonimo ha detto:

    Anch’io ti leggo sempre in quanto neolaureata-aspirante traduttrice 🙂
    Ele

  11. babystarsower ha detto:

    complimenti davvero 🙂 non vedo l’ora di RI-leggerlo sotto questa nuova veste 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...