La letteratura russa contemporanea non esiste?

Oggi mi sento impotente.

Siamo al 19 dicembre e come nel periodo della Fiera di Francoforte tutto tace.
Così mi permetto qualche riflessione.
Dovrei lavorare a una splendida revisione dall’inglese (splendida perché il libro è bello e la traduzione fatta bene), ma non ho voglia. Mi frullano in testa tanti pensieri.

Amo, adoro, venero la letteratura russa. All’università ho letto molti classici e pochi contemporanei, finendo per domandarmi: “Ma possibile che in Russia ora scriva solo Pelevin?”.

Non ero in grado allora di leggere decentemente un’opera in russo, e anche adesso, dopo la laurea, vari soggiorni in Russia, anni come accompagnatrice del progetto Chernobyl, ultimamente qualche traduzione letteraria, usandolo sempre di meno, mi costa una fatica bestiale leggere in lingua originale con l’occhio editoriale. E quando mi capita per le mani qualcosa di buono (in taluni casi davvero eccelso, in altri un po’ meno) mi scontro con la difficoltà dell’editoria italiana a tentare la strada dei russi.

Si vendono poco“, “Sono ancora troppo indietro, o forse troppo avanti, per il pubblico italiano ed europeo in generale”, “O troppo giovani e ribelli o troppo letterari e alti”, “Nessuno di noi editor e direttori editoriali sa il russo e ci viene difficile valutare solo sulla base di una scheda di lettura”, “Visto il mercato e le difficoltà nel lavoro editoriale, non si può investire su una figura specifica che sappia valutare davvero”, ecc, ecc.
E intanto i contemporanei russi pubblicano in patria libri su libri, e in Italia nessuno, o quasi, si interessa di scoprire davvero quali siano quelli realmente degni di nota. E io mi mangio le mani.

Però, poi, faccio un giro in internet e trovo appassionati di letteratura russa (sì, forse una nicchia, ma che meriterebbe più autori difficili che diari di pornostar o biografie di star televisive), che desidererebbero tanto leggere gli autori russi contemporanei (tra loro, tra i russofili, intendo, ci sono anche molti aspiranti traduttori, ma quella è un’altra storia), che si domandano perché ce ne siano così pochi, che si entusiasmano per il mio racconto nel Mestiere di riflettere, che hanno sperato per anni che qualcuno ripubblicasse (o cominciasse a pubblicare) riveduti e corretti i classici russi degli anni sessanta, settanta e ottanta come Aksenov, Limonov, Erofeev, ecc. e mi scrivono dicendo: “Finalmente Il biglietto stellato! Non vedo l’ora di averlo per le mani“.

Il destino di questi ultimi, dimenticati per troppo tempo, ora si riversa sui russi ultracontemporanei. E io non posso farci niente. Devo pur portare a casa la pagnotta e il tempo che posso dedicare a questa ricerca (non retribuito o infimamente retribuito) è talmente poco che non vedo quasi mai i risultati sperati.

Mi sento impotente, appunto.

Annunci

Informazioni su denisocka

La vita dura (ma non troppo) del collaboratore esterno (ma non troppo)
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a La letteratura russa contemporanea non esiste?

  1. utente anonimo ha detto:

    Recentemente è capitato di scoprirne uno al Melangolo, Denise, un nuovo autore russo, troppo diverso forse, troppo… be’, ma loro sono così (meravigliosi) e la nostra italietta letteraria è troppo mediocre. Troppo!

  2. denisocka ha detto:

    @utente anonimo: se ti firmi, mi viene più facile risponderti e ricordarmi di te… dopo questa richiesta doverosa, mi viene da dire: Ottimo! Ma è già stato pubblicato? Una nicchia di lettori russisti affezionati ci sono, bisogna saper trovare i canali giusti per evidenziare la pubblicazione di quell’opera. Potresti iniziare segnalandolo in questo blog. Invito anche gli altri a farlo: se avete letto un russo contemporaneo che vi è piaciuto, fatemelo sapere!

  3. utente anonimo ha detto:

    Il romanzo è stato pubblicato dal melangolo nel 2008. S’intitola "Il cane Iodok" ed è particolarissimo.

    Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...