Omaggio a Michael Crichton

Michael Crichton è morto ieri.
Come tutti, ho visto la serie di Jurassic Park e sono stata una fan scatenata di E.R., però preferisco ricordarlo per Congo, un libro che ha significato molto per me.

Lo lessi alle medie. Avevo un professore di italiano e storia che ci faceva leggere di tutto, obbligatoriamente, perché convinto che ogni forma di letteratura, da quella cosiddetta alta a quella più popolare, fosse importante, potesse avvicinarci alla lettura.
Ricordo me stessa nella mia camera da letto, sdraiata sul pavimento, con quel librone in mano, a mordermi le unghie mentre i protagonisti giungevano al tempio delle scimmie.

Forse, oggi, una parte di me si dedica con grande rispetto e gusto anche a libri d’intrattenimento grazie a lui.
Un ringraziamento un po’ speciale a questo autore.

Annunci

Informazioni su denisocka

La vita dura (ma non troppo) del collaboratore esterno (ma non troppo)
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Omaggio a Michael Crichton

  1. bloggando ha detto:

    Il tuo post è stato citato su Bloggando!

  2. denisocka ha detto:

    Grazie, che onore!

  3. utente anonimo ha detto:

    Anche a me evoca ricordi infantili, avevo forse 11-12 anni, stavo sdraiato sul letto con le braccia penzoloni e il libro a terra. Il libro era Jurassic park e a quell’età mi appassionò tantissimo. Stavo uscendo dall’età della passione per i dinosauri, dei quali avevo fedeli riproduzioni sintetiche, ma il “caso” suscitato dal libro e poi dal film mi inorgoglirono. Perché io riuscivo a visualizzare immediatamente l’aspetto dal nome che leggevo, mi sentivo un esperto!
    Una bella lettura, Congo non l’ho mai letto invece. Forse perché poi mi è stata instillata una insana distinzione tra letteratura alta e bassa?

    Alessandro

  4. denisocka ha detto:

    Ieri sera… ops ieri notte… hanno fatto Congo alla tv. Mi sono addormentata quasi subito causa fatica da lavoro (sono in consegna, si lavora anche il sabato e la domenica!)
    @alessandro: io traduco e revisiono spesso libri di “bassa” letteratura (chick-lit. fantasy, gialli, ecc.) però sono convinta che siano utili anche quelli. Conosco molte persone che dalla letteratura d’evasione sono poi passate alla cosiddetta “letteratura alta”. Tutto è utile per instillare il gusto alla lettura.

  5. inachisio ha detto:

    E’ vero anche qiesto: magari uno inizia a leggere “basso”, poi sente che potrebbe esserci di più e di meglio e si fa conquistare dalla lettura. speriamo

    inachis

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...